Discussione:
Non sono solo io che mi lamento
(troppo vecchio per rispondere)
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-28 16:02:38 UTC
Permalink
Lettera al quotidiano "La Stampa".

Ho assistito, per pochi minuti, ad una delle lezioni di catechismo,
alle quali mio figlio partecipa settimanalmente. Sono rimasta molto
dispiaciuta dall'atteggiamento delle persone preposte
all'insegnamento. Durante ogni ritrovo i bambini vengono sottoposti ad
un assillante interrogatorio circa la partecipazione alle funzioni
religiose della domenica. Se la risposta dell'alunno è negativa gli si
chiede il perché e, al di là delle motivazioni, lo si rimprovera
duramente in presenza di tutti i compagni. Grandi elogi e marcati
plausi a chi invece ha partecipato alla messa purché così si diventa
dei bravi bambini.

Ne deriva (e qui anche un bambino lo intuisce) che gli altri sono
degli elementi negativi. Ho parlato a casa con mio figlio in merito ai
contenuti delle lezioni ed ho notato in lui, bimbo molto responsabile,
un senso di angoscia dovuto secondo me all'insistenza e alla poca
sensibilità dei catechisti.

Ritengo che questo modo di impostare l'educazione dei piccoli sia
controproducente e contribuisca esclusivamente ad allontanare le
famiglie dall'attività religiosa che dovrebbe essere vissuta in
maniera spontanea e serena. Sarebbe auspicabile un comportamento più
moderato e meno (passatemi il termine) "estremista".

Come genitori facciamo del nostro meglio per portare a messa nostro
figlio. Capita, però, che vi siano delle priorità dettate da necessità
di organizzazione in famiglia e, pertanto, la domenica non sempre si
riesce ad essere tra i banchi della chiesa.

Copiato da Marco O. dal pianeta del lettori
yunan 4 U
2011-12-29 08:15:35 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Come genitori facciamo del nostro meglio per portare a messa nostro
figlio. Capita, però, che vi siano delle priorità dettate da necessità
di organizzazione in famiglia e, pertanto, la domenica non sempre si
riesce ad essere tra i banchi della chiesa.
la saga delle troiate. Torino è veramente una città magica da questo
punto di vista.

1- se uno non comprende che la priorità è l'eucarestia, perchè manda i
figli al catechismo?
2- esistono cause di forza maggiore (salute, necessità di accudire
genitori anziani, parenti malati, problemi lavorativi). Esistono tra
l'altro almeno 40 messe in orari differenti e c'è sicuramente la
disponibilità di parenti, vicini, amici per portare i figli a messa se i
genitori proprio non possono.
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-29 08:37:14 UTC
Permalink
Post by yunan 4 U
1- se uno non comprende che la priorità è l'eucarestia, perchè manda i
figli al catechismo?
Uno magari vuole che conoscano la chiesa per poter scegliere con
cognizione di causa.
Post by yunan 4 U
2- esistono cause di forza maggiore (salute, necessità di accudire
genitori anziani, parenti malati, problemi lavorativi). Esistono tra
l'altro almeno 40 messe in orari differenti e c'è sicuramente la
disponibilità di parenti, vicini, amici per portare i figli a messa se i
genitori proprio non possono.
Questo è il problema principale. Sempre più parrocchie, nel Torinese,
pretendono che i bambini vadano ad una Messa ben definita; le altre
non sono "valide". Da noi è obbligatorio andare alla Messa delle
10:00, massimo 6 assenze in un anno, a S. Grato (Bertolla) è
obbligatorio andare alle 11:30 (orario piuttosto scomodo), a S. Maria
della Stella (Druento) è obbligatorio andare alle 11:15, mentre a S.
Rita (Torino) è obbligatorio andare alle 10:30. Ho citato solo gli
esempi che conosco. C'è un "catechista-kapò" che segna le presenze e
c'è un numero massimo di assenze consentite, piuttosto basso (da 3 a
6). Se vai a Messa in un altro posto, od anche solo se vai a Messa in
un orario differente, ti segnano assente. Vai a Messa con i nonni?
ASSENTE. Vai al sabato sera od alla domenica sera perchè vuoi fare una
passeggiata in collina? ASSENTE. Vai a Roma alla Messa del Papa per
l'ACR (Azione Cattolica Ragazzi)? ASSENTE. Capitato a mio figlio
Stefano. Segnato ASSENTE quando era andato con l'ACR alla Messa del
Papa ed alla Messa dell'Arcivescovo in cattedrale.

Se questa è la chiesa "cattolica"...

M.
io speriamo me la cavo
2011-12-29 11:15:31 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Questo è il problema principale. Sempre più parrocchie, nel Torinese,
pretendono che i bambini vadano ad una Messa ben definita; le altre
non sono "valide". Da noi è obbligatorio andare alla Messa delle
10:00, massimo 6 assenze in un anno, a S. Grato (Bertolla) è
obbligatorio andare alle 11:30 (orario piuttosto scomodo), a S. Maria
della Stella (Druento) è obbligatorio andare alle 11:15, mentre a S.
Rita (Torino) è obbligatorio andare alle 10:30. Ho citato solo gli
esempi che conosco. C'è un "catechista-kapò" che segna le presenze e
c'è un numero massimo di assenze consentite, piuttosto basso (da 3 a
6). Se vai a Messa in un altro posto, od anche solo se vai a Messa in
un orario differente, ti segnano assente. Vai a Messa con i nonni?
ASSENTE. Vai al sabato sera od alla domenica sera perchè vuoi fare una
passeggiata in collina? ASSENTE. Vai a Roma alla Messa del Papa per
l'ACR (Azione Cattolica Ragazzi)? ASSENTE. Capitato a mio figlio
Stefano. Segnato ASSENTE quando era andato con l'ACR alla Messa del
Papa ed alla Messa dell'Arcivescovo in cattedrale.
Se questa è la chiesa "cattolica"...
M.
L'obbligo di andare a messa!?

katechista kapò!?



ismlc
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-29 12:03:35 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
L'obbligo di andare a messa!?
katechista  kapò!?
Si. Gli allievi del catechismo si devono presentare in chiesa fra le
9:45 e le 9:55 e devono andare nei banchi riservati, divisi per
classe. Le altre messe non valgono. La kapò Daniela D. segna le
presenze con una crocetta sul registro. Massimo 6 assenze. Da 7 a 10
sei costretto a seguire N-6 messe feriali di recupero al martedì od al
giovedì, dove N è il numero delle assenze. Con più di 10 assenze
ripeti l'anno. Due domeniche prima della giornata delle prime
comunioni o delle cresime l'elenco di quelli che hanno fatto troppe
assenze è affisso alla gogna, Chiedo scusa, alla bacheca. Tipo i
bocciati a scuola.

Mio figlio, che è un vero duro, dopo aver fatto la Prima Comunione con
10 assenze e 4 messe feriali di recupero è andato dalla kapò Daniela
D. e le ha detto: "Sappi che l'ho fatta solo per far piacere al nonno,
che è malato. Adesso col cazzo (*) che mi vedete ancora in chiesa."

Frutti della "pastorale moderna". :-(

Il problema è che certi sistemi sono sempre più diffusi.

M.

(*) chiedo scusa per la citazione, ma è testuale
Jock McGraw
2011-12-29 14:09:45 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Adesso col cazzo (*) che mi vedete ancora in chiesa."
Frutti della "pastorale moderna". :-(
Sì, se un bambino in età da prima comunione si esprime in questi termini, è
giusto con la pastorale moderna che bisogna prendersela...
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-29 14:26:58 UTC
Permalink
Post by Jock McGraw
Sì, se un bambino in età da prima comunione si esprime in questi termini, è
giusto con la pastorale moderna che bisogna prendersela...
Dipende dal livello di esasperazione. Solitamente passa per bambino
distinto e ben educato. Se vedi il tuo nome esposto al pubblico
ludibrio nella lista dei cattivi te la potresti anche prendere.

M.
silviag
2011-12-29 14:20:58 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Mio figlio, che è un vero duro, dopo aver fatto la Prima Comunione con
10 assenze e 4 messe feriali di recupero è andato dalla kapò Daniela
D. e le ha detto: "Sappi che l'ho fatta solo per far piacere al nonno,
che è malato. Adesso col cazzo (*) che mi vedete ancora in chiesa."
Frutti della "pastorale moderna". :-(
Il problema è che certi sistemi sono sempre più diffusi.
M.
(*) chiedo scusa per la citazione, ma è testuale
scusa se mi permetto, ma tuo figlio non è un vero duro, ha solo
assorbito evidentemente quello che sente in casa.....ossia il tuo
perenne attacco alla Chiesa Cattolica :-(
e mi spiace per lui....
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-29 14:36:51 UTC
Permalink
Post by silviag
scusa se mi permetto, ma tuo figlio non è un vero duro, ha solo
assorbito evidentemente quello che sente in casa.....ossia il tuo
perenne attacco alla Chiesa Cattolica :-(
e mi spiace per lui....
Veramente in casa gli abbiamo sempre detto che tutte le chiese sono
egualmente valide e che gli volevamo far conoscere le due "di casa".
Purtroppo la cattolica si è dimostrata poco accogliente.

M.
silviag
2011-12-29 14:54:10 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by silviag
scusa se mi permetto, ma tuo figlio non è un vero duro, ha solo
assorbito evidentemente quello che sente in casa.....ossia il tuo
perenne attacco alla Chiesa Cattolica :-(
e mi spiace per lui....
Veramente in casa gli abbiamo sempre detto che tutte le chiese sono
egualmente valide e che gli volevamo far conoscere le due "di casa".
Purtroppo la cattolica si è dimostrata poco accogliente.
M.
beh...leggendo i tuoi interventi circa la Chiesa Cattolica.....faccio
fatica a pensare che tu pensi che sia "egualmente valida" :-(
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-29 15:36:35 UTC
Permalink
Post by silviag
beh...leggendo i tuoi interventi circa la Chiesa Cattolica.....faccio
fatica a pensare che tu pensi che sia "egualmente valida" :-(
Eppure avevamo fatto i salti mortali per portarceli. Certo, non
crediamo che sia l'unica valida.

M.
io speriamo me la cavo
2011-12-29 15:40:17 UTC
Permalink
Post by silviag
beh...leggendo i tuoi interventi circa la Chiesa Cattolica.....faccio
fatica a pensare che tu pensi che sia "egualmente valida" :-(
Un genitore saggio, lascia spazio anche all'autonomia valutativa del
figliolo.
Il confine tra educazione e plagio è sottile.
yunan 4 U
2011-12-30 09:09:10 UTC
Permalink
Post by silviag
scusa se mi permetto, ma tuo figlio non è un vero duro, ha solo
assorbito evidentemente quello che sente in casa.....ossia il tuo
perenne attacco alla Chiesa Cattolica :-(
e mi spiace per lui....
incredibile!
io speriamo me la cavo
2011-12-30 10:00:13 UTC
Permalink
Post by silviag
scusa se mi permetto, ma tuo figlio non è un vero duro, ha solo
assorbito evidentemente quello che sente in casa.....ossia il tuo
perenne attacco alla Chiesa Cattolica :-(
e mi spiace per lui....
Mi è capitato di vedere i figli di certi cattolici, di certi tdg, di
certi atei.
Mi spiace per loro. :-(

ismlc
Luca
2012-01-05 18:02:53 UTC
Permalink
Post by silviag
scusa se mi permetto, ma tuo figlio non è un vero duro, ha solo
assorbito evidentemente quello che sente in casa...
"Evidentemente"? Beh, magari ha anche degli amici. Forse potrebbe
andare addirittura a scuola. Perché mai si dà per scontato che la
forma mentale di un ragazzo di quell'età sia frutto solo dell'ambiente
familiare?
io speriamo me la cavo
2011-12-29 15:00:51 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by io speriamo me la cavo
L'obbligo di andare a messa!?
katechista kapò!?
Si. Gli allievi del catechismo si devono presentare in chiesa fra le
9:45 e le 9:55 e devono andare nei banchi riservati, divisi per
classe. Le altre messe non valgono. La kapò Daniela D. segna le
presenze con una crocetta sul registro. Massimo 6 assenze. Da 7 a 10
sei costretto a seguire N-6 messe feriali di recupero al martedì od al
giovedì, dove N è il numero delle assenze. Con più di 10 assenze
ripeti l'anno. Due domeniche prima della giornata delle prime
comunioni o delle cresime l'elenco di quelli che hanno fatto troppe
assenze è affisso alla gogna, Chiedo scusa, alla bacheca. Tipo i
bocciati a scuola.
Mio figlio, che è un vero duro, dopo aver fatto la Prima Comunione con
10 assenze e 4 messe feriali di recupero è andato dalla kapò Daniela
D. e le ha detto: "Sappi che l'ho fatta solo per far piacere al nonno,
che è malato. Adesso col cazzo (*) che mi vedete ancora in chiesa."
Frutti della "pastorale moderna". :-(
Lo ho notato da un pezzo, i peggio sono quelli che vorrebbero essere
tanto preti ma non lo sono, in più fanno cose immorali credendo invece
che siano di alta moralità.
Ma non credevo che ancora oggi fossero possibili simili stupidità
pastorali, accompagnati da assoluto non rispetto dei diritti delle persone.
Nemmeno ai tempi miei si facevano simili scorrettezze.

L'insegnate ha un solo diritto, che è quello che l'alunno sappia bene
quello che gli è stato insegnato, invece non ha il diritto di chiedere
se quanto insegnato è condiviso e nemmeno che venga praticato.

Se le frequenze alla messa sono poche o nulle, allora dovrebbe chiedersi
cosa non va nel suo insegnamento.
Sul piano dei doveri li ha anche lui, a cominciare dal rispetto dei
diritti degli alunni, anche se questi non hanno la capacità di pretenderli.

E' gente che pensa che uno sia persona fin tanto che è nel grembo della
madre, poi invece quando nascono e sono persone a tutti gli effetti
scordano che i bambini sono portatori dei diritti della persona come gli
adulti.
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Il problema è che certi sistemi sono sempre più diffusi.
Non sanno più come rimediare e allora ripropongono i vecchissimi
sistemi. E' una mentalità ottusa che è implicita nella dittatura, un
retaggio culturale dell'esercizio comodo della forza e violenza, che
appunto dove può è ancora esercitata.
L'unica cosa che ottengono è rafforzare il concetto di libertà dei
diritti personali, che in età adulta saranno chiarissimi e fortissimi.

Io tutto sommato oggi non sono ateo, forse perchè ho avuto dei buoni
insegnanti di catechismo.
Ne ricordo con piacere uno; era un giovane sacerdote e non insisteva
troppo sulle cose che non capivamo.
Mi ricordo il mio sconcerto sulla Santissima Trinità, alla fine decisi
che la cosa non era poi molto importante che io la capissi e la
accettai, anche se con un pizzico di riserva di stranezza.
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
(*) chiedo scusa per la citazione, ma è testuale
Tuo figlio ha fatto benissimo, in certi casi un chiarimento colorito è
efficacie oltre che necessario.
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
M.
ismlc
teophiliusMcMuffin
2011-12-29 12:06:04 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se questa è la chiesa "cattolica"...
Beh, ma, scusa, e infischiarsene del
tizio che scheda le assenze? A ben
vedere non rispondi a lui ma a Lui.
--
come to the dark side
(we have cookies)

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-29 12:11:43 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se questa è la chiesa "cattolica"...
Beh, ma, scusa, e infischiarsene del
tizio che scheda le assenze?
Se ne fai più di 6... niente prima comunione o cresima.

M.
teophiliusMcMuffin
2011-12-29 14:21:12 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se ne fai più di 6... niente prima comunione o cresima.
Accidenti, non immaginavo una tale "burocratizzazione".
Ma e' "consentito"? Voglio dire, si puo' negare la prima
comunione eo cresima per quella ragione?
--
come to the dark side
(we have cookies)

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Jock McGraw
2011-12-29 14:16:20 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se ne fai più di 6... niente prima comunione o cresima.
Accidenti, non immaginavo una tale "burocratizzazione".
Ma e' "consentito"? Voglio dire, si puo' negare la prima
comunione eo cresima per quella ragione?
A me francamente non pare burocratizzazione. Se uno per *più di sei volte*
trova altre "priorità" tra il calcio e la gita in collina, va bene che torni
quando è un po' più convinto.
Se poi in quelle sei volte è mancato dalla messa del catechismo perché era
in ritiro spirituale dai trappisti con tutta la famiglia, magari è facile
che il parroco riesca perfino a chiudere un occhio sul numero... :-)
teophiliusMcMuffin
2011-12-29 15:00:17 UTC
Permalink
Post by Jock McGraw
A me francamente non pare burocratizzazione. Se uno per *più di sei volte*
trova altre "priorità" tra il calcio e la gita in collina, va bene che torni
quando è un po' più convinto.
Si, ok, chiaro, era implicito che mi riferivo
ad assenze *presso* la parrocchia non dalla
messa.

Se un bimbo partecipa alla messa in un'altra
parrocchia secondo me questa non e' affatto
un'assenza.
Post by Jock McGraw
Se poi in quelle sei volte è mancato dalla messa del catechismo perché era
in ritiro spirituale dai trappisti con tutta la famiglia, magari è facile
che il parroco riesca perfino a chiudere un occhio sul numero... :-)
^__^

Infatti, come suggeriva ismlc: talk to the parroco.
Se Dio vuole ci sara' qualcosa oggi che si puo'
ancora risolvere con un'umanissimo colloquio
senza fare un partito :)

Bye
--
come to the dark side
(we have cookies)

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-29 14:55:19 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Se un bimbo partecipa alla messa in un'altra
parrocchia secondo me questa non e' affatto
un'assenza.
Infatti, come suggeriva ismlc: talk to the parroco.
Se Dio vuole ci sara' qualcosa oggi che si puo'
ancora risolvere con un'umanissimo colloquio
senza fare un partito :)
Se vuoi ti do in privato il cellulare del parroco.

M.
teophiliusMcMuffin
2011-12-29 16:00:51 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se vuoi ti do in privato il cellulare del parroco.
Solo se e' un iPhone e, naturalmente,
se mi fai un buon prezzo.
--
come to the dark side
(we have cookies)

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
io speriamo me la cavo
2011-12-29 15:42:00 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se vuoi ti do in privato il cellulare del parroco.
Solo se e' un iPhone e, naturalmente,
se mi fai un buon prezzo.
:-)
Lol
Marina
2011-12-30 21:28:42 UTC
Permalink
Marco,

un simile irrigimentamento da caserma e' deleterio e controproducente.
Mi riservo di segnalare questo tuo intervento qui al vescovo ausiliare
di Torino, che è stato per anni mio confessore e padre spirituale.
Cio' premesso, io credo che occorra avere idee molto chiare.
Il catechismo non e' un obbligo, ma e' evidente che se la sua
organizzazione logistica e' condotta con criteri irragionevoli e
dispotici, si parla serenamente col parroco. Nel caso in cui la cosa
non sortisse effetto, ci si rivolge alla Curia. Se nemmeno cosi' si
riesce a ottenere considerazione per le proprie ragioni, si cambia
parrocchia. Non tutti i sacerdoti sono tanto irragionevoli.
Certo, magari si deve affrontare il sacrificio di accompagnare il
figliolo con l'auto, ma se riteniamo che questo corrisponda al suo
bene, lo facciamo.

Ciao,
Marina
io speriamo me la cavo
2011-12-31 07:36:04 UTC
Permalink
Post by Marina
Marco,
un simile irrigimentamento da caserma e' deleterio e controproducente.
Mi riservo di segnalare questo tuo intervento qui al vescovo ausiliare
di Torino, che è stato per anni mio confessore e padre spirituale.
Cio' premesso, io credo che occorra avere idee molto chiare.
Il catechismo non e' un obbligo, ma e' evidente che se la sua
organizzazione logistica e' condotta con criteri irragionevoli e
dispotici, si parla serenamente col parroco. Nel caso in cui la cosa
non sortisse effetto, ci si rivolge alla Curia. Se nemmeno cosi' si
riesce a ottenere considerazione per le proprie ragioni, si cambia
parrocchia. Non tutti i sacerdoti sono tanto irragionevoli.
Certo, magari si deve affrontare il sacrificio di accompagnare il
figliolo con l'auto, ma se riteniamo che questo corrisponda al suo
bene, lo facciamo.
Ciao,
Marina
!? Oopss...
Marina una grande onda deve aver spostato la tua mira, io mi chiamo
Giampietro.;-)
Comunque visto che mi hai bersagliato delle tue minacce, ti rispondo.

Anche io sostengo che quello che dici è giusto:
*il catechismo non è un obbligo per nessuno!*
Non capisco quindi perché qualcuno lo trasformi invece in un obbligo,
e ancora peggio non consideri l'autorità paterna valida.

Se hai la fortuna (devi essere qualcuno) di conoscere personalmente un
vescovo, secondo me fai bene a segnalargli la faccenda, ma non di Marco,
ma del comportamento eccessivamente dispotico del parroco.

Che poi ci siano anche bravi, anzi bravissimi sacerdoti (grazie a Dio)
è cosa nota a tutti! Pensa che disgrazia sarebbe per la Chiesa, se la
cosa fosse nota solo a te e al tuo vescovo.

Buon anno

Giampietro
silviag
2011-12-31 10:39:23 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
*il catechismo non è un obbligo per nessuno!*
Non capisco quindi perché qualcuno lo trasformi invece in un obbligo,
e ancora peggio non consideri l'autorità paterna valida.
certo che non è un obbligo, ma se tu scegli che tuo figlio ci vada non
puoi poi pretendere che lo facciano come viene meglio a te: non di
sabato perchè ha calcio, danza, etc........, tanto meno la domenica
mattina perchè si va in gita etc....

poi se tu vai ad un'altra Messa, lo dici al parroco/catechiste e queste
non ti credano ....ecco, questo è sbagliato, certo !!!

il catechismo è un cammino in preparazione a dei Sacramenti ....deve
essere una scelta convinta e seria .....

Buon anno!

Silvia
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-31 12:59:57 UTC
Permalink
Post by silviag
certo che non è un obbligo, ma se tu scegli che tuo figlio ci vada non
puoi poi pretendere che lo facciano come viene meglio a te: non di
sabato perchè ha calcio, danza, etc........, tanto meno la domenica
mattina perchè si va in gita etc....
Beh, quando era alle 17 di un giorno feriale nessuno si lamentava.
Post by silviag
poi se tu vai ad un'altra Messa, lo dici al parroco/catechiste e queste
non ti credano ....ecco, questo è sbagliato, certo !!!
No, non è che non ci credano, è che non te lo vogliono permettere.

M-
youarethetruthnoti
2012-01-01 07:55:30 UTC
Permalink
Post by silviag
poi se tu vai ad un'altra Messa, lo dici al parroco/catechiste e queste
non ti credano ....ecco, questo è sbagliato, certo !!!
Infatti, stiamo facendo much ado about nothing :)
Post by silviag
Buon anno!
Altrettanto e a tutti!
--
Se fossi io a testimoniare di me stesso, la mia testimonianza non sarebbe
vera. C'e' un altro che da' testimonianza di me, e so che la testimonianza
che egli da di me e' vera.

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
io speriamo me la cavo
2012-01-01 10:05:04 UTC
Permalink
Post by youarethetruthnoti
Post by silviag
poi se tu vai ad un'altra Messa, lo dici al parroco/catechiste e queste
non ti credano ....ecco, questo è sbagliato, certo !!!
Infatti, stiamo facendo much ado about nothing :)
Post by silviag
Buon anno!
Altrettanto e a tutti!
Il caso in questione è una stupidata, ma è occasione di mettere in luce
un certo modo di ragionare e pretendere che è possibile trovare in
ambiente cattolico.
Va scoraggiato.
youarethetruthnoti
2012-01-01 18:23:14 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
Il caso in questione è una stupidata, ma è occasione di mettere in luce
un certo modo di ragionare e pretendere che è possibile trovare in
ambiente cattolico.
Lo trovi anche in altri ambienti, ma chissa'
perche' quello in quello cattolico salta subito
all'attenzione.
Post by io speriamo me la cavo
Va scoraggiato.
No, va affrontato, sul terreno, ovunque sia.
--
Se fossi io a testimoniare di me stesso, la mia testimonianza non sarebbe
vera. C'e' un altro che da' testimonianza di me, e so che la testimonianza
che egli da di me e' vera.




questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
io speriamo me la cavo
2012-01-01 18:34:03 UTC
Permalink
Post by youarethetruthnoti
Post by io speriamo me la cavo
Il caso in questione è una stupidata, ma è occasione di mettere in luce
un certo modo di ragionare e pretendere che è possibile trovare in
ambiente cattolico.
Lo trovi anche in altri ambienti, ma chissa'
perche' quello in quello cattolico salta subito
all'attenzione.
Con i bambini!?
Post by youarethetruthnoti
Post by io speriamo me la cavo
Va scoraggiato.
No, va affrontato, sul terreno, ovunque sia.
Figurati, io ho un figlio che ha 39 anni, quindi parlo solo per difesa
di un principio.
io speriamo me la cavo
2011-12-31 16:54:13 UTC
Permalink
Post by silviag
Post by io speriamo me la cavo
*il catechismo non è un obbligo per nessuno!*
Non capisco quindi perché qualcuno lo trasformi invece in un obbligo,
e ancora peggio non consideri l'autorità paterna valida.
certo che non è un obbligo, ma se tu scegli che tuo figlio ci vada non
puoi poi pretendere che lo facciano come viene meglio a te: non di
sabato perchè ha calcio, danza, etc........, tanto meno la domenica
mattina perchè si va in gita etc....
Certo che non posso pretendere, ma se iscrivo mio figlio da qualche
altra parte di solito per venire incontro alle mie esigenze mi si
presenta una rosa di possibilità.
Il prendere o lasciare in questo caso non ha molto senso, a meno che
in parrocchia non ci sia così tanto lavoro da giustificare il corso
fattibile solo nei ritagli di tempo domenicali.

La verità è altra e ritengo inutile ipotizzarne qualcuna ora, però
guarda caso riguarda l'unico giorno libero dei genitori e dei ragazzi
e la domenica, a messa, la gente non va più come una volta.
Pazienza per il corso teorico, ma la messa mica è valida solo quella di
quella parrocchia e in quell'ora.
Cammino, mica vuol dire servizio militare.
Il bambino comunque elabora tali metodi educativi, che poi secondo come
li ha digeriti, ripresenterà alla struttura che lo ha obbligato.
Post by silviag
poi se tu vai ad un'altra Messa, lo dici al parroco/catechiste e queste
non ti credano ....ecco, questo è sbagliato, certo !!!
Certo che è sbagliato, direi addirittura diseducativo, perché mette in
discussione l'autorità paterna.
Oggi i genitori sono soli e devono lottare contro tutti.
Il prete ha bisogno della firma del genitore per insegnare il catechismo
al figlio, non vedo perché tale firma poi non valga più nulla.
Se poi uno vuol fare il dittatore che lo faccia pure, ma poi non se ne
lamenti se la gente storce il naso.

Vedi se mi si dicesse, -il bambino dimostra di non imparare ciò che gli
è insegnato-, allora è un conto. Che gli venga "ricordato" di
santificare le domeniche è semptre giusto.
Ma ricordare non è obbligare, sono due cose molto diverse e vanno
chiamate col loro nome.
Post by silviag
il catechismo è un cammino in preparazione a dei Sacramenti ....deve
essere una scelta convinta e seria .....
Certamente, ed è giusto che sia così, ma l'obbligo di serietà e rispetto
degli altri, lo ha anche il conduttore di questo cammino.

Nel caso fossi giovane e genitore, ma con la mentalità che ho oggi, per
me sarebbe un grosso problema decidere se mandarlo o meno al catechismo.
probabilmente sceglierei di mandarlo.
Comunque io a un conduttore così, anche fossi cattolico, mio figlio non
lo affiderei mai.
Post by silviag
Buon anno!
anche a te.
Post by silviag
Silvia
Marco O. dal quark bunga bunga
2012-01-01 15:36:59 UTC
Permalink
On 31 Dic 2011, 17:54, io speriamo me la cavo
Post by io speriamo me la cavo
Il prendere o lasciare in questo caso non ha molto senso, a meno che
in parrocchia non ci sia così tanto lavoro da giustificare il corso
fattibile solo nei ritagli di tempo domenicali.
In parrocchia non c'è niente, a parte il catechismo.
Post by io speriamo me la cavo
La verità altra e ritengo inutile ipotizzarne qualcuna ora, però
guarda caso riguarda l'unico giorno libero dei genitori e dei ragazzi
è la domenica,
No, basta organizzarsi. La scuola finisce alle 16:30, alle 17:00
andava bene per tutti, e le altre attività (tipo il calcio) si
regolavano di conseguenza.

Secondo me è un tentativo di sgomitare alla ricerca della centralità
perduta, che sortisce l'effetto contrario.

M.
io speriamo me la cavo
2012-01-01 18:42:43 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
On 31 Dic 2011, 17:54, io speriamo me la cavo
Post by io speriamo me la cavo
Il prendere o lasciare in questo caso non ha molto senso, a meno che
in parrocchia non ci sia così tanto lavoro da giustificare il corso
fattibile solo nei ritagli di tempo domenicali.
In parrocchia non c'è niente, a parte il catechismo.
Quindi la cosa si evidenzia da sola.
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by io speriamo me la cavo
La verità altra e ritengo inutile ipotizzarne qualcuna ora, però
guarda caso riguarda l'unico giorno libero dei genitori e dei ragazzi
è la domenica,
No, basta organizzarsi. La scuola finisce alle 16:30, alle 17:00
andava bene per tutti, e le altre attività (tipo il calcio) si
regolavano di conseguenza.
Secondo me è un tentativo di sgomitare alla ricerca della centralità
perduta, che sortisce l'effetto contrario.
Centralità e autorità.
E' una cosa che sta avvenendo anche per altre cose (tipo il testamento
biologico).
Una ricerca di evidenza a qualsiasi costo.:-(
Cosa risibile sul principio, ma tragica per gli interessati, visto che
lo Stato Vaticano ha tolto la pena di morte dal suo ordinamento
giuridico solo nel 2001.
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
M.
ismlc
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-31 11:01:50 UTC
Permalink
Post by Marina
un simile irrigimentamento da caserma e' deleterio e controproducente.
Mi riservo di segnalare questo tuo intervento qui al vescovo ausiliare
di Torino, che è stato per anni mio confessore e padre spirituale.
Pare che non sia disapprovato dai vescovi piemontesi. Comunque se ne
vuoi parlare puoi fare nomi e cognomi.

Ti cito un altro episodio, in diocesi di Ivrea. Un parroco (quello di
Rivarolo Canavese) ha deciso che per fare la prima comunione e la
cresima si deve obbligatoriamente frequentare il catechismo di sabato
pomeriggio, in contemporanea con il campionato di calcio dei
"pulcini". I genitori dei bambini appassionati di calcio si sono
rivolti al Vescovo ed il Vescovo gli ha risposto che possono giocare a
calcio in oratorio, ma se vogliono giocare nella Rivarolese devono
rinunciare ai sacramenti, oppure andare fuori diocesi, cosa che alcuni
hanno fatto, approfittando di essere al confine fra due diocesi.
Post by Marina
Il catechismo non e' un obbligo, ma e' evidente che se la sua
organizzazione logistica e' condotta con criteri irragionevoli e
dispotici, si parla serenamente col parroco. Nel caso in cui la cosa
non sortisse effetto, ci si rivolge alla Curia. Se nemmeno cosi' si
riesce a ottenere considerazione per le proprie ragioni, si cambia
parrocchia. Non tutti i sacerdoti sono tanto irragionevoli.
Lo so, ma quelli irragionevoli diventano sempre più numerosi.
Post by Marina
Certo, magari si deve affrontare il sacrificio di accompagnare il
figliolo con l'auto, ma se riteniamo che questo corrisponda al suo
bene, lo facciamo.
Si, ma c'è anche un discorso comunitario al quale io terrei...

M.
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-29 14:31:33 UTC
Permalink
Post by Jock McGraw
Se poi in quelle sei volte è mancato dalla messa del catechismo perché era
in ritiro spirituale dai trappisti con tutta la famiglia, magari è facile
che il parroco riesca perfino a chiudere un occhio sul numero...   :-)
No. L'hanno segnato assente anche quando era andato alla Messa del
Papa per l'ACR, quando era andato alla Messa dell'Arcivescovo per
l'ACR e quando era andato ad un incontro con i monaci di Taizè, anche
se avevamo giustificato in anticipo l'assenza. Comunque ci sono posti
dove è ancora peggio. Devi andare al catechismo in settimana ed alla
"Messa dei bambini" in parrocchia ad una determinata ora della
domenica. Ti segnano assente perfino se vai ad altre Messe in
parrocchia. Casi Druento o Torino S. Rita. E, credo, caso della
lettera al giornale.

M.
silviag
2011-12-29 14:57:55 UTC
Permalink
Il 29/12/2011 15:31, Marco O. dal quark bunga bunga ha scritto:
Comunque ci sono posti
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
dove è ancora peggio. Devi andare al catechismo in settimana ed alla
"Messa dei bambini" in parrocchia ad una determinata ora della
domenica. Ti segnano assente perfino se vai ad altre Messe in
parrocchia. Casi Druento o Torino S. Rita. E, credo, caso della
lettera al giornale.
M.
faccio davvero molta fatica a crederlo.....
Trew
2011-12-29 17:29:54 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by Jock McGraw
Se poi in quelle sei volte è mancato dalla messa del catechismo perché era
in ritiro spirituale dai trappisti con tutta la famiglia, magari è facile
che il parroco riesca perfino a chiudere un occhio sul numero... :-)
No. L'hanno segnato assente anche quando era andato alla Messa del
Papa per l'ACR, quando era andato alla Messa dell'Arcivescovo per
l'ACR e quando era andato ad un incontro con i monaci di Taizè, anche
se avevamo giustificato in anticipo l'assenza. Comunque ci sono posti
dove è ancora peggio. Devi andare al catechismo in settimana ed alla
"Messa dei bambini" in parrocchia ad una determinata ora della
domenica. Ti segnano assente perfino se vai ad altre Messe in
parrocchia. Casi Druento o Torino S. Rita. E, credo, caso della
lettera al giornale.
Ma sono cattocomunisti? La mia impressione è che i più intolleranti
siano loro, quelli che a messa cantano "Tu sei la mia vita", fanno i
battimani e odiano il gregoriano.
Luca
2012-01-05 18:26:52 UTC
Permalink
Post by Trew
Ma sono cattocomunisti? La mia impressione è che i più intolleranti
siano loro,
[OT]

Scusami, senza voler fare polemica vorrei farti notare una cosa: tu
dai di intolleranti a coloro che poi definisci "cattocomunisti", ma
non ti sembra che già l'appellare in senso dispregiativo qualcuno sia
indice di intolleranza?

"Cattocomunista" non sarà certo grave come "negro", "bingobongo" o
"giudeo", ma è comunque qualcosa di alquanto stonato da sentire dire
da chi si definisce cristiano se è vero, come è vero, che "vi
riconosceranno da come vi amerete".

In ogni caso, nella mia pur limitata esperienza, non ho mai sentito un
cosiddetto "cattocomunista" appellare "gli altri" come
"fasciocattolici" e poi dar loro, per giunta, di intolleranti...

Ciao

[/OT]

max man
2011-12-29 21:04:07 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Torino S. Rita.
questa è la chiesa del mio quartiere... Stento a credere che siano
burocratici per partito preso.
Quando mi sono sposato il mio parroco mi ha proposto un corso
permatimoniale abbastanza
tough. Gli ho detto che non se ne parlava e che non potevo. Ho aggiunto
che seguivo da anni
un mio programma di confessione e direzione spirituale settimanale con un
importante
teologo del seminario metropolitano. "Ok, non c'è altro che potremmo
insegnarti", ed è finita lì.

Stessa cosa col battesimo della piccola. Non ho fatto il corso
"obbligatorio", che prevedeva
sei incontri. Gli ho detto "no way", e non mi hanno fatto storie.

Hai ragione quando dici che bisogna essere duri: se a muso duro fai
presente che fai un
cammino forte, confessioni, direzione spirituale, gruppi di preghiera,
studio, preghiera
individuale, adorazione, frequantazione dei sacramenti, nessun prete osa
fiatare. E se fiata te
lo mangi, lo trascini per le orecchie dal vescovo. E se pure questo rogna,
li trascini entrambi
alla congregazione della fede o quella del clero, e poi tutti dal Papa.
E' questa la durezza dei
laici. Superare il clero nella vita sacramentale.

Ma se mostri di essere l'asino del presepe, ti faranno fare tutti ritiri
parrochiali alla madonna di
Bra, con le vecchiette del rosario delle 5. E farebbero pure bene.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Mauro.
2011-12-29 22:04:18 UTC
Permalink
max man ha scritto:

"Quando mi sono sposato il mio parroco mi ha
proposto un corso permatimoniale abbastanza
tough. Gli ho detto che non se ne parlava
e che non potevo. Ho aggiunto che seguivo da anni
un mio programma di confessione e direzione spirituale
settimanale con un importante teologo del seminario
metropolitano. "Ok, non c'è altro che potremmo insegnarti",
ed è finita lì."



finita li' ?
se non erro nei corsi prematrimoniali si parla pure dei metodi naturali
per il controllo delle nascite: pure quello sapevi grazie al tuo cammino
di direzione spirituale ?

;-)

inoltre partecipando avreste potuto essere d'esempio per le altre coppie
..

ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
max man
2011-12-30 15:08:50 UTC
Permalink
Post by Mauro.
finita li' ?
se non erro nei corsi prematrimoniali si parla pure dei metodi naturali
per il controllo delle nascite: pure quello sapevi grazie al tuo cammino
di direzione spirituale ?
;-)
In parte sì. Ma soprattutto ho mostrato di essere uno che studia e
approfondisce anche qs
argomenti per conto proprio, che non ha bisogno dei preti per farlo. E te
ne puoi essere
accorto anche tu, leggendomi sul ng.
Post by Mauro.
inoltre partecipando avreste potuto essere d'esempio per le altre coppie
..
Chiaramente non era un mio capriccio. Avevo seri motivi per non
partecipare...
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-30 08:13:24 UTC
Permalink
Post by max man
Stessa cosa col battesimo della piccola. Non ho fatto il corso
"obbligatorio", che prevedeva
sei incontri. Gli ho detto "no way", e non mi hanno fatto storie.
Forse a S. Rita è così. Già meglio. Infatti mi sembra che a livello
parrocchiale siano messi meglio di noi, per quel poco che ne posso
vedere (sono originario della zona di largo Tirreno) la parrocchia
funziona. Però c'è sempre il problema di chi vorrebbe far conoscere la
parrocchia al bambino senza condividere l'impegno. Un mio compagno di
scuola, del tutto disinteressato a qualsiasi attività parrocchiale,
voleva portare i bambini al catechismo, ma ha rinunciato perché nei
fine settimana voleva andare a Bardonecchia e non aveva la minima
intenzione di partecipare agli incontri per i genitori, Però voleva
portare i bambini al catechismo, giusto per offrire loro uno strumento
di scelta matura. Rinunciare, da parte della parrocchia, non credo che
sia stato un bene. La parrocchia non dovrebbe "evangelizzare"?
Post by max man
Hai ragione quando dici che bisogna essere duri: se a muso duro fai
presente che fai un cammino forte,
Da noi non ha funzionato. Non l'hanno "giustificato" neanche quando è
andato dal Papa.

M.
max man
2011-12-30 15:05:28 UTC
Permalink
Marco O. dal quark bunga bunga ha scritto:
.
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Forse a S. Rita è così. Già meglio. Infatti mi sembra che a livello
parrocchiale siano messi meglio di noi, per quel poco che ne posso
vedere (sono originario della zona di largo Tirreno) la parrocchia
funziona. Però c'è sempre il problema di chi vorrebbe far conoscere la
parrocchia al bambino senza condividere l'impegno. Un mio compagno di
scuola, del tutto disinteressato a qualsiasi attività parrocchiale,
voleva portare i bambini al catechismo, ma ha rinunciato perché nei
fine settimana voleva andare a Bardonecchia e non aveva la minima
intenzione di partecipare agli incontri per i genitori, Però voleva
portare i bambini al catechismo, giusto per offrire loro uno strumento
di scelta matura. Rinunciare, da parte della parrocchia, non credo che
sia stato un bene. La parrocchia non dovrebbe "evangelizzare"?
I genitori devono evangelizzare. Il tuo amico voleva offrire "uno
strumento", ma senza mettere
in gioco se stesso. Non funziona così, devi persuadertene. Un genitore
"freddo", o tiepidino,
che vuol mandare i figli a catechismo perchè loro, autonomamente, possano
decidere se il
cristianesimo gli garba, in realtà sta impostando tutta l'educazione in
modo profondamente e
radicalmente sbagliato. Non è quindi solo un problema di evangelizzazione,
ma proprio un
approccio educativo sbagliato alla radice.
Un geniore deve trasmettere ai propri figli le sue convinzioni,
spiegargliele, fargliele vivere. Si
trasmette ai figli la propria visione del mondo, mostrando loro che una
convinzione la si
matura con ponderazione e la si vive con coerenza. I bambini così imparano
il valore delle
scelte, il loro attento e franco esame, e il valore della coerenza. Non
sono importanti le idee,
che poi il bambino maturerà autonomamente, ma il modo in cui ci si
persuade della loro bontà
per poi viverle di conseguenza. Così il tuo amico ha chiaramenteuna
visione della vita adulta
in cui la parrocchia ha un ruolo marginale. Per il tuo amico l'aria
aperta, lo sport, sciare con
gli amici, sono più importanti. Sono abbastanza sicuro che, in tema di
fede, lui ritiene che la
chiesa sia un posto dove riconciliarsi di tanto in tanto col Creatore,
trovare un po' di pace,
accostarsi a una messa. Avrà una visione molto light dell'aspetto
"religioso". E' mille volte
meglio, infinitamrnte meglio, che lui spieghi al bambino che questi sono i
valori in cui crede e
che lui vive. Si porti con sè il bambino a sciare, gli trasmetta il suo
amore per lo sport e per la
natura. Farà un favore enorme al bambino, perchè gli trasmetterà cose in
cui crede con
entusiasmo e vive con profondità. Il bambino su questo esempio maturerà un
metodo con il
quale potrà domani abbracciare il cristianesimo e ogni altro ideale con
convinzione.
Il problema sai qual è? La verità possiamo dircela?
Io, te e il tuo amico non stiamo affatto vivendo con profondità le nostre
convinzioni. Non ce le
esplicitiamo a noi stessi, perchè è duro vederle in faccia, e soprattutto
perchè ció che
facciamo spesso manco risponde alle nostre convinzioni, quelle più
profonde, che intuiamo
ma che desideriamo rimangano innocue ai bordi della coscienza. Ci piace
sciare la domenica,
perchè siamo stressati, perchè vogliamo evadere, ma sappiamo che ció che
ci farebbe
veramente bene non è la fatica delle gambe sulla neve, ma la fatica del
cuore. Una domenica
ad aiutare gli altri, quella sarebbe la cosa che più profondamente
corrisponderebbe alle nostre
convinzioni e ci darebbe maggior serenità. Una sera di preghiera, invece
della cena al rifugio
sulle piste, quella sarebbe la cosa più rigenerante. Questa prospettiva
noi la accantoniamo,
perchè sarebbe una rivoluzione troppo grande. Rossi di vergogna davanti ai
nostri figli per non
avere avuto il coraggio di guardare in noi stessi e di vivere i nostri
ideali, non vogliamo privare
del tutto i nostri figli che amiamo della possibilità di questa
prospettiva. E vorremmo che la
chiesa accennasse loro questa prospettiva, nei nostri ritagli di tempo.
Vorremmo
esternalizzare la proposta di quella prospettiva a un'agenzia on demand,
incerti se sperare
che il bambino la accantoni come abbiamo fatto noi (e così avremo un
entusiasta compagno
di sciate) o la viva con convinzione (e, rovinando la nostra quiete, abbia
la forza di fare quella
rivoluzione che noi non abbiamo avuto il coraggio di compiere).
Ma così non funziona proprio un bel niente. Nessun esempio di vita,
nessuna costruzione di
valori e di carattere, nessun amore per la coerenza, nessun humus perchè
attecchiscano
ideali, nessuna possibilità di un rapporto di slancio con Dio e con gli
altri.
Non lo credi?
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by max man
Hai ragione quando dici che bisogna essere duri: se a muso duro fai
presente che fai un cammino forte,
Da noi non ha funzionato. Non l'hanno "giustificato" neanche quando è
andato dal Papa.
Chi? Cosa?
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-30 14:55:26 UTC
Permalink
Post by max man
I genitori devono evangelizzare. Il tuo amico voleva offrire "uno
strumento", ma senza mettere in gioco se stesso.
Si, esatto, Io non ragiono così, ma se una famiglia offre alla
parrocchia la possibilità di conoscere un bambino mi sembra stupido
che la parrocchia non ne approfitti. Ti portano un bambino tutte le
settimane per un'ora. Approfittane, non è tanto, ma qualcosa ci puoi
fare.
Post by max man
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by max man
Hai ragione quando dici che bisogna essere duri: se a muso duro fai
presente che fai un cammino forte,
Da noi non ha funzionato. Non l'hanno "giustificato" neanche quando è
andato dal Papa.
Chi? Cosa?
Mio figlio, Massimo 6 assenze dalla Messa delle 10:00. Ne aveva fatte
10. Una era perché era andato a Roma con l'ACR. Era alla Messa del
Papa ed hanno segnato che quella domenica non era andato a Messa
perché vale solo la Messa delle 10:00 in parrocchia. Ho detto alla
catechista, e pure al parroco, che era andato alla Messa del Papa.
Niente. Segnato assente.

M.
max man
2011-12-30 15:56:02 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by max man
I genitori devono evangelizzare. Il tuo amico voleva offrire "uno
strumento", ma senza mettere in gioco se stesso.
Si, esatto, Io non ragiono così, ma se una famiglia offre alla
parrocchia la possibilità di conoscere un bambino mi sembra stupido
che la parrocchia non ne approfitti. Ti portano un bambino tutte le
settimane per un'ora. Approfittane, non è tanto, ma qualcosa ci puoi
fare.
In qs giorni sto cercando un giaccone sufficientemente impermeabilizzato.
Sono andato da
Olympic, da Vestil, da Fabris e da Caramello. Ma niente. Secondo me, in
tutti i capi provati,
qualcosa passa sempre...
Devo suggerire ai produttori di confrontarsi con te: hai sviluppato una
tecnica imbattibile e
rivoluzionarla, che se brevettata e applicata ai tessuti farebbe la tua
fortuna.

Trovo fra l'altro indicibilmente sublime che per te sia la famiglia ad
offrire qualcosa alla
parrocchia...
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Mio figlio, Massimo 6 assenze dalla Messa delle 10:00. Ne aveva fatte
10. Una era perché era andato a Roma con l'ACR. Era alla Messa del
Papa ed hanno segnato che quella domenica non era andato a Messa
perché vale solo la Messa delle 10:00 in parrocchia. Ho detto alla
catechista, e pure al parroco, che era andato alla Messa del Papa.
Niente. Segnato assente.
Tutte a te...
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-30 15:57:43 UTC
Permalink
Post by max man
Trovo fra l'altro indicibilmente sublime che per te sia la famiglia ad
offrire qualcosa alla parrocchia...
Diciamo che, almeno per ora, è una fortuna che le parrocchie hanno.
Molti genitori ci portano i bambini. Manco se li devono invitare.
Pensa al mazzo che si fanno i TdG. Invece i cattolici se li ritrovano
che bussano alla porta, e li mandano via. Boh...
Post by max man
Tutte a te...
Non solo, leggi la lettera al giornale...

Infatti il titolo è: "Non sono solo io che mi lamento".

M.
Jock McGraw
2011-12-30 16:42:31 UTC
Permalink
Post by max man
In qs giorni sto cercando un giaccone sufficientemente impermeabilizzato.
Sono andato da
Olympic, da Vestil, da Fabris e da Caramello. Ma niente. Secondo me, in
tutti i capi provati,
qualcosa passa sempre...
Devo suggerire ai produttori di confrontarsi con te: hai sviluppato una
tecnica imbattibile e
rivoluzionarla, che se brevettata e applicata ai tessuti farebbe la tua
fortuna.
Altro che giacconi...
Questa è tecnica omologata anti NBC. Gliela còmpera direttamente lo US
Department of Defense. :-)
yunan 4 U
2011-12-30 09:12:18 UTC
Permalink
Post by Jock McGraw
A me francamente non pare burocratizzazione. Se uno per *più di sei
volte* trova altre "priorità" tra il calcio e la gita in collina, va
bene che torni quando è un po' più convinto.
Se poi in quelle sei volte è mancato dalla messa del catechismo perché
era in ritiro spirituale dai trappisti con tutta la famiglia, magari è
facile che il parroco riesca perfino a chiudere un occhio sul numero... :-)
incredibile! ^2
yunan 4 U
2011-12-30 09:11:26 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se ne fai più di 6... niente prima comunione o cresima.
Accidenti, non immaginavo una tale "burocratizzazione".
Ma e' "consentito"? Voglio dire, si puo' negare la prima
comunione eo cresima per quella ragione?
guarda, se andare a messa e seguire un cammino di formazione è
"burocratizzazione", sarebbe opportuno chiedere la revoca dei sacramenti
a chi la pensa così. <g>
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-30 09:26:54 UTC
Permalink
Post by yunan 4 U
guarda, se andare a messa e seguire un cammino di formazione è
"burocratizzazione", sarebbe opportuno chiedere la revoca dei sacramenti
a chi la pensa così. <g>
Burocratizzazione è pretendere che si vada sempre alla Messa delle
11:30 in parrocchia, come se le altre Messe non fossero valide. O
pretendere che si frequento l'oratorio il sabato pomeriggio, come se
non ci fossero calcio, bicicletta, scout e tante altre cose che uno
potrebbe liberamente preferire.

M.
teophiliusMcMuffin
2011-12-30 10:15:00 UTC
Permalink
Post by yunan 4 U
Post by teophiliusMcMuffin
Accidenti, non immaginavo una tale "burocratizzazione".
Ma e' "consentito"? Voglio dire, si puo' negare la prima
comunione eo cresima per quella ragione?
guarda, se andare a messa e seguire un cammino di formazione è
"burocratizzazione", sarebbe opportuno chiedere la revoca dei
sacramenti a chi la pensa così. <g>
Sante parole. Le applichiamo anche a chi trasmuta
la santa messa ed il catechismo in burocrazia del
campanilismo?
--
come to the dark side
(we have cookies)

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-30 10:02:06 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
come to the dark side
(we have cookies)
Aspetta, come era già che ti chiamavi?

M.
youarethetruthnoti
2012-01-01 07:52:53 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Aspetta, come era già che ti chiamavi?
gia', sono proprio lui :P
--
Se fossi io a testimoniare di me stesso, la mia testimonianza non sarebbe
vera. C'e' un altro che da' testimonianza di me, e so che la testimonianza
che egli da di me e' vera.

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
io speriamo me la cavo
2011-12-30 11:09:17 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Post by yunan 4 U
Post by teophiliusMcMuffin
Accidenti, non immaginavo una tale "burocratizzazione".
Ma e' "consentito"? Voglio dire, si puo' negare la prima
comunione eo cresima per quella ragione?
guarda, se andare a messa e seguire un cammino di formazione è
"burocratizzazione", sarebbe opportuno chiedere la revoca dei
sacramenti a chi la pensa così. <g>
Sante parole. Le applichiamo anche a chi trasmuta
la santa messa ed il catechismo in burocrazia del
campanilismo?
Non è burocrazia del campanilismo, è esercizio autoritario,
cioè abuso.
In più è assoluta sfiducia della sincerità dei genitori e
menefreghismo dei loro impegni.
L'orario della messa è solo uno e solo in quella parrocchia,
facile che sia così per i soli comodi personali della Kapò.

Che poi la cosa possa venire condivisa non mi meraviglia,
di illusi di poter tornare all'insegnamento della religione
come si faceva nel medioevo, nelle parrocchie ce ne è ancora.

ismlc
yunan 4 U
2011-12-30 16:54:42 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Sante parole. Le applichiamo anche a chi trasmuta
la santa messa ed il catechismo in burocrazia del
campanilismo?
certo!
io speriamo me la cavo
2011-12-29 13:17:12 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se questa è la chiesa "cattolica"...
Beh, ma, scusa, e infischiarsene del
tizio che scheda le assenze? A ben
vedere non rispondi a lui ma a Lui.
Non è così, poichè dopo gli "angosciano" il figlio.

Secondo me, una "sana" chiacchierata privata col parroco, dovrebbe
sortire qualche effetto.

Una cosa così, di schedare quelli che vanno a messa, accadeva ai tempi
del cardinal Bellarmino; cosa che lessi tempo fa proprio in questo NG.

ismlc
teophiliusMcMuffin
2011-12-29 14:31:30 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
Non è così, poichè dopo gli "angosciano" il figlio.
Confido nelle capacita' educative del padre.
D'altronde e' abbastanza illusorio, per non
dire idealistico, aspettarsi che una qualsiasi
istituzione, per quando ben condotta, non crei
dei "drammi" al proprio figlio.

Ora non vorrei scadere in una psicobanalita'
ma ho la sensazione che una difficolta' accettata
e superata valga piu' di un encomio per una presenza
che magari non e' sentita o, forse peggio, di
"facciata". (cfr. la parabola dei due figli a
cui il padre chiede di andare ad arare il campo).
--
come to the dark side
(we have cookies)

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
io speriamo me la cavo
2011-12-29 15:34:27 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Post by io speriamo me la cavo
Non è così, poichè dopo gli "angosciano" il figlio.
Confido nelle capacita' educative del padre.
D'altronde e' abbastanza illusorio, per non
dire idealistico, aspettarsi che una qualsiasi
istituzione, per quando ben condotta, non crei
dei "drammi" al proprio figlio.
Occorre valutarli, se i drammi sono prepotenze vanno assolutamente
contingentati.
Se il genitore giustifico l'assenza alla messa del figlio, dicendo che è
andato a messa in altro posto, nessuno può permettersi l'arbitrio di
trattare il genitore come bugiardo o invalido.
Poiché in tal caso non sarebbe valido nemmeno il consenso di mandare il
figliolo al corso.
Cosa che di sicuro un vero genitore che tiene all'educazione del figlio
non darebbe una seconda volta.
Poi se uno si fa pecora, allora...
Post by teophiliusMcMuffin
Ora non vorrei scadere in una psicobanalita'
ma ho la sensazione che una difficolta' accettata
e superata valga piu' di un encomio per una presenza
che magari non e' sentita o, forse peggio, di
"facciata". (cfr. la parabola dei due figli a
cui il padre chiede di andare ad arare il campo).
A me pare inconcepibile e assurdo che si costringa qualcuno
ad andare a messa, se questo qualcuno è un bambino è cosa
ancora più grave.
Il bambino deve andare a messa di sua spontanea volontà e
con il piacere di andare e non per costrizione o ricatto.

Certa gente non si permetterebbe mai un andazzo simile con
gli adulti, cosa gli fa pensare che con i bambini sia invece
un metodo lecito e rispettoso.

Al più potrebbe essere inizialmente esplicitato ai genitori,
in modo molto chiaro, che la presenza alla messa sia da ritenersi
come una esercitazione pratica della materia insegnata.
Ma la vedo dura far accettare una cosa così al parroco, ma è la
vera sostanza dell'insegnamento, perchè poi è cosi che avverrà
quando saranno adulti.

Poi se il genitore giustifica l'assenza, tale giustificazione è
assolutamente valida, il figlio va al corso di catechismo
per la volontà dei genitori e non per la volontà della kapò.

Quando mio figlio fece la prima comunione io ero ancora cattolico
e non ebbi di questi problemi.
Poi però (immagino per nausea sua degli eccessi pastorali) non volle
più fare la cresima, io rispettai la sua volontà, gli tocco farla da
grande, ma fu sempre per una scelta sua.

ismlc
teophiliusMcMuffin
2011-12-29 17:25:20 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
A me pare inconcepibile e assurdo che si costringa qualcuno
ad andare a messa, se questo qualcuno è un bambino è cosa
ancora più grave.
A me non fa scandalo, ritengo sia parte
essenziale dell'educazione del bambino.
Esattamente come "costringerlo" ad andare
a scuola. La mia sensazione, non ho figli,
e' che ai bimbi non urti l'imposizione di
una regola quanto piuttosto il modo.
--
come to the dark side
(we have cookies)

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
io speriamo me la cavo
2011-12-29 19:25:26 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Post by io speriamo me la cavo
A me pare inconcepibile e assurdo che si costringa qualcuno
ad andare a messa, se questo qualcuno è un bambino è cosa
ancora più grave.
A me non fa scandalo, ritengo sia parte
essenziale dell'educazione del bambino.
Esattamente come "costringerlo" ad andare
a scuola.
La scuola accetta le giustificazioni dei genitori e se
qualcuno del corpo insegnate ridicolizza l'alunno, il
genitore di solito interviene.
In più, a scuola ci vanno tutti, al catechismo no!
Post by teophiliusMcMuffin
La mia sensazione, non ho figli,
e' che ai bimbi non urti l'imposizione di
una regola quanto piuttosto il modo.
Certamente è anche una questione di opinioni, ma ci sono
di mezzo anche situazioni di principio, che possono sembrare
opposte ma potrebbero anche non esserlo.
Un buon genitore cattolico ad esempio sa che con l'imposizione
esagerata non si ottiene nulla di buono, quindi magari protesta
proprio nell'interesse della buona educazione cattolica
del figlio.
Questo tanto per farti un possibile esempio.

Il prete, o il catechista, nulla potrebbe senza
l'autorizzazione dei genitori, non vedo come di fatto
poi l'autorità di questi possa venire ignorata come
insignificante.

Il catechista o il parroco non è il re dittatore, ma è un
servitore, un parrocchiano fedele ha diritto a un suo buon servizio,
sul contenuto di quanto insegnato non si può nè si deve interferire,
ma sui modi se ne ha il pieno diritto.

Poi c'è di mezzo l'autorità paterna che agli occhi del figliolo viene
praticamente azzerata.

MODKBB ha specificato dopo, che nelle condizioni iniziali c'è scritto
che la frequenza della messa è obbligatoria, questo sposta molto il
punto di discussione.
Una regola è una regola, la cui bontà magari si vedrà solo dopo molto
tempo, ma il genitore può o non può accettarla.

Alcune frequenze alla messa poi sono utili, in quanto c'è da spiegare
quale comportamento bisogna tenere e quale significato hanno i vari
punti della cerimonia, anche se l'obbligo eccessivo di frequenza sa
di abuso stupido che poi a suo tempo l'interessato farà inevitabilmente
scontare in proporzione al subito.

Tutto questo comunque, non autorizza a non accettare le eventuali
giustificazioni degli adulti, quando attestano che la partecipazione
alla messa c'è stata.
Sono i genitori che hanno la vera responsabilità del figlio, non il
parroco o il suo sostituto.


ismlc
teophiliusMcMuffin
2011-12-30 08:11:56 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
La scuola accetta le giustificazioni dei genitori e se
qualcuno del corpo insegnate ridicolizza l'alunno, il
genitore di solito interviene.
Ah ma su questo non ci piove, difatti il problema
non e' "costringere" o meno alla messa ma il far
ragionare chi pretende la presenza "registrata"
alla parrocchia.
Post by io speriamo me la cavo
In più, a scuola ci vanno tutti, al catechismo no!
Embe'? Che vuoi dire? Che e' giusto
costringere ad andare a scuola perche'
cosi' fan tutti? Ma allora avalli la
tesi del contabile degli assenteisti
che ti costringe ad andare alla messa
della parrocchia perche' cosi' fan
tutti quelli che faranno la comunione
in parrocchia.

Suvvia, la questione e' assai semplice:
se si ritiene essenziale la dimensione
religiosa per dare un'educazione compiuta
(ed e' mio parere che un'educazione
incompiuta possa costituire un potenziale
svantaggio) allora si "costringera'" ad
un certo percorso educativo in tal senso.

Dal quale, ovviamente, la persona potra'
distaccarsene quando vorra'. Esattamente
come quando un ragazzo, conclusa la scuola
dell'obbligo (brrrrrr obbligo!) vuole
smettere di studiare.
--
come to the dark side
(we have cookies)

Love your enemies.
It makes them so damn mad.


questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
io speriamo me la cavo
2011-12-30 09:41:31 UTC
Permalink
Post by teophiliusMcMuffin
Ah ma su questo non ci piove, difatti il problema
non e' "costringere" o meno alla messa ma il far
ragionare chi pretende la presenza "registrata"
alla parrocchia.
Si ma di solito i preti parlano tanto ma non ascoltano,
fanno solo finta.
La loro filosofia è la seguente:
parliamone..., tu sbagli....
Post by teophiliusMcMuffin
Post by io speriamo me la cavo
In più, a scuola ci vanno tutti, al catechismo no!
Embe'? Che vuoi dire? Che e' giusto
costringere ad andare a scuola perche'
cosi' fan tutti? Ma allora avalli la
tesi del contabile degli assenteisti
che ti costringe ad andare alla messa
della parrocchia perche' cosi' fan
tutti quelli che faranno la comunione
in parrocchia.
No! Avvallo la teoria che un bambino potrebbe sentirsi
discriminato dagli altri, non perché non va, ma perché
a lui invece tocca andare al catechismo.
In più trova appunto conferma che in qualche modo è pure
costretto, cosa che ad altri è risparmiata.
Sul piano del principio non lo è affatto.
Post by teophiliusMcMuffin
se si ritiene essenziale la dimensione
religiosa per dare un'educazione compiuta
Ho idea diversa del compiuto educativo, che
è vero che comprende anche la religione.
Ma questo è un discorso ora troppo ampio.
Post by teophiliusMcMuffin
(ed e' mio parere che un'educazione
incompiuta possa costituire un potenziale
svantaggio) allora si "costringera'" ad
un certo percorso educativo in tal senso.
Sta venendo fuori il vero problema, di solito il
compiuto lo è sole se corrisponde all'idea del genitore.

Per me una educazione è compiuta quando si insegna a
scegliere liberamente per convincimento, non per
obbligo e quando si insegna anche la dimensione
religiosa, non solo una.
Ma questo te lo dico solo per ribattere la tua logica
argomentale con me.
Se ti allarghi tu, mi allargo anche io.
Post by teophiliusMcMuffin
Dal quale, ovviamente, la persona potra'
distaccarsene quando vorra'. Esattamente
come quando un ragazzo, conclusa la scuola
dell'obbligo (brrrrrr obbligo!) vuole
smettere di studiare.
Nun ce provà... ;-)

Non è affatto la stessa cosa.

La cultura di base è una cosa oggi assolutamente necessaria per
la sopravvivenza quotidiana, la religione ha altri scopi di sopravvivenza.
L'obbligo scolastico riguarda solo la frequenza (le assenze sono
ammesse, le giustificazioni pure) e il nozionismo insegnato non
riguarda anche la condivisione o partecipazione, riguarda solo
il suo apprendimento.
L'unica cosa che c'è in comune è l'insegnamento di qualcosa.
Ma il corso di catechismo non è la scuola altrimenti, anche
il corso di karatè o di nuoto è scuola.
Al più possono essere scuola in senso lato, ma il significato
è altro.

Capisco che un padre voglia che il figlio abbia una conoscenza
anche spirituale, ma se vorrà condividere la cosa col figlio
dovrà anche imparare a fare il padre.
Inutile mandare il figlio a un corso di karatè, se il figlio
non vuole andarci, più facile che ci vada se lo vede fare
anche dai genitori.
Se padre e figlio poi fanno karatè insieme, magari il figlio
ne avrà gioia.

Così è per il corso di catechismo, se il figlio non vuole
più andare a fare il catechismo, allora qualcosa non funziona
e le possibilità sono solo tre:

1) Non funziona il corso.
2) Non funziona la famiglia.
3) Non funziona il ragazzo.

Tutti e tre le motivazioni sono serie, pensare di risolverle
con l'autorità è assolutamente errato, ma ognuno si regola
come crede meglio.
Qui si sta solo discutendo su come uno correggerebbe le cose
quando non gli funzionano.

In quanto al termine della scuola dell'obbligo a me è toccato
proseguire gli studi lavorando (altro che brrrr).:-(
Tra l'altro ai miei tempi la religione era una delle materie
d'obbligo, peccato che era anche l'unica materia dove si insegnava
una sola religione. Eppure ero adulto, se mi si fosse insegnato
anche la storia delle religioni e una sfarinata anche delle altre,
mica mi avrebbe fatto male.
Ricordo con poca simpatia il prete cheallora mi insegnava la religione,
perchè non si limitava a ispezionare se io avevo studiato ciò che mi
spiegava, ma pretendeva di mettermi il voto anche in base alla mia
condivisione.
Ma io ormai ero un adulto, lui mi metteva un voto basso e allora io
cominciavo con una sfilza di domande che lo mettevano in imbarazzo,
capì che quella del voto basso non era la strada giusta. Si raggiunse
così un equilibrio di atteggiamento di apparente reciproco pari rispetto.

Non credo che un bambino possa fare altrettanto, sta quindi al padre
difenderlo, ma fare il padre non è facile, poiché un pericolo grosso
potrebbe venire anche dal padre stesso.
Non è affatto facile trovare il giusto equilibrio tra il rispetto e
l'autorità, ma questo è un difficile compito anche di chiunque insegna.

Il potere lo abbiamo tutti e il suo esercizio è ciò che ci qualifica
veramente, la stessa cosa fa il bisogno. Sono due aspetti che ci
denudano agli uomini, a Dio no perchè già sa come siamo.


Ciao,
ismlc
silviag
2011-12-29 11:57:42 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by yunan 4 U
2- esistono cause di forza maggiore (salute, necessità di accudire
genitori anziani, parenti malati, problemi lavorativi). Esistono tra
l'altro almeno 40 messe in orari differenti e c'è sicuramente la
disponibilità di parenti, vicini, amici per portare i figli a messa se i
genitori proprio non possono.
Questo è il problema principale. Sempre più parrocchie, nel Torinese,
pretendono che i bambini vadano ad una Messa ben definita; le altre
non sono "valide". Da noi è obbligatorio andare alla Messa delle
10:00, massimo 6 assenze in un anno, a S. Grato (Bertolla) è
obbligatorio andare alle 11:30 (orario piuttosto scomodo), a S. Maria
della Stella (Druento) è obbligatorio andare alle 11:15, mentre a S.
Rita (Torino) è obbligatorio andare alle 10:30. Ho citato solo gli
esempi che conosco. C'è un "catechista-kapò" che segna le presenze e
c'è un numero massimo di assenze consentite, piuttosto basso (da 3 a
6). Se vai a Messa in un altro posto, od anche solo se vai a Messa in
un orario differente, ti segnano assente. Vai a Messa con i nonni?
ASSENTE. Vai al sabato sera od alla domenica sera perchè vuoi fare una
passeggiata in collina? ASSENTE. Vai a Roma alla Messa del Papa per
l'ACR (Azione Cattolica Ragazzi)? ASSENTE. Capitato a mio figlio
Stefano. Segnato ASSENTE quando era andato con l'ACR alla Messa del
Papa ed alla Messa dell'Arcivescovo in cattedrale.
Se questa è la chiesa "cattolica"...
M.
mamma mia....ma a Torino che succede????
nella mia Diocesi di Genova non ho mai sentito di "obbligo di andare in
una determinata Messa" se no...niente sacramenti ...
mi sembra davvero una poco credibile che invece a Torino sia così ...


Silvia
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-29 14:54:00 UTC
Permalink
Post by silviag
mi sembra davvero una poco credibile che invece a Torino sia così ...
Eppure è così. Se vuoi controllare ti do il telefono della parrocchia
di S. Grato. Telefona e chiedi informazioni. Ti diranno che il
catechismo è di domenica dalle 12:20 alle 13:00 e che i bambini devono
obbligatoriamente partecipare alla Messa delle 11:30. Lo stesso in
altri posti. Se vuoi fare qualche telefonata...

M.
io speriamo me la cavo
2011-12-29 16:07:13 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by silviag
mi sembra davvero una poco credibile che invece a Torino sia così ...
Eppure è così. Se vuoi controllare ti do il telefono della parrocchia
di S. Grato. Telefona e chiedi informazioni. Ti diranno che il
catechismo è di domenica dalle 12:20 alle 13:00 e che i bambini devono
obbligatoriamente partecipare alla Messa delle 11:30. Lo stesso in
altri posti. Se vuoi fare qualche telefonata...
M.
Beh, il fatto che lo dicano prima sposta un po' il punto del torto,
però io genitore non ammetterei che la mia giustificazione venga disattesa.
Niente giustificazione, niente corso!

Si deve essere ambedue nella condizione di prendere o lasciare.
yunan 4 U
2011-12-30 09:02:00 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se questa è la chiesa "cattolica"...
M.
no, questa è la tua parodia che può anche avere un certo seguito tra
qualche sprovveduto che ha vaghi ricordi della chiesa.

Quando trovi un catechista che - incredibilmente! - ricorda la necessità
di santificare la domenica, tu ne fai la scimmiottatura. Ahi noi, non
hai il talento dei monty python.

y.
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-30 09:32:41 UTC
Permalink
Post by yunan 4 U
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se questa è la chiesa "cattolica"...
Quando trovi un catechista che - incredibilmente! - ricorda la necessità
di santificare la domenica, tu ne fai la scimmiottatura. Ahi noi, non
hai il talento dei monty python.
Confrontavo ironicamente il "cattolico" (universale) con la pretesa
che i bambini frequentino una determinata Messa in una determinata
chiesa, considerando "assenza" il fatto che siano andati ad altre
Messe.

M.
io speriamo me la cavo
2011-12-30 10:14:37 UTC
Permalink
Post by yunan 4 U
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Se questa è la chiesa "cattolica"...
M.
no, questa è la tua parodia che può anche avere un certo seguito tra
qualche sprovveduto che ha vaghi ricordi della chiesa.
Rassegnati, gli sprovveduti il Signore li distribuisce equamente anche
nelle parrocchie.
Post by yunan 4 U
Quando trovi un catechista che - incredibilmente! - ricorda la necessità
di santificare la domenica...
"ricorda" !?

Ma guarda che gentile eufemismo, proprio degno di un vero catechista.;-)

Più che altro è lui che ha bisogno di ricordare, visto che prende
appunti su chi va su chi non va alla messa.
Post by yunan 4 U
y.
ismlc
yunan 4 U
2011-12-30 09:07:10 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by yunan 4 U
1- se uno non comprende che la priorità è l'eucarestia, perchè manda i
figli al catechismo?
Uno magari vuole che conoscano la chiesa per poter scegliere con
cognizione di causa.
un minimo di rispetto per l'intelligenza tua e di chi ti legge.
si sta parlando del cammino di preparazione ad un sacramento, non ti
visitare una casa che si vuole acquistare.
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by yunan 4 U
2- esistono cause di forza maggiore (salute, necessità di accudire
genitori anziani, parenti malati, problemi lavorativi). Esistono tra
l'altro almeno 40 messe in orari differenti e c'è sicuramente la
disponibilità di parenti, vicini, amici per portare i figli a messa se i
genitori proprio non possono.
Questo è il problema principale. Sempre più parrocchie, nel Torinese,
pretendono che i bambini vadano ad una Messa ben definita;
il problema principale sono i "cristiani" a tempo perso che si trovano
sempre di fronte all'enigma.. andare a messa o andare a sciare.
in tutte le parrocchie c'è una messa "più importante" per chi si deve
preparare ai sacramenti, nel 90% dei casi la messa delle 10. Non essendo
l'accesso all'iniziazione cristiana una prescrizione medica, o si fa la
cosa seriamente o giustamente fuori dai coglioni.

y
--
__
"Al giorno d'oggi la gente sa il prezzo di tutto
e non conosce il valore di niente" O.Wilde
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-30 09:38:41 UTC
Permalink
Post by yunan 4 U
il problema principale sono i "cristiani" a tempo perso che si trovano
sempre di fronte all'enigma.. andare a messa o andare a sciare.
Beh, in quasi tutte le località sciistiche che io conosca c'è una
Messa poco dopo la chiusura degli impianti, poi c'è la "prefestiva" in
città. A Torino ci sono anche delle Messe la domenica dopo cena. Io
andavo sovente a S. Teresina alle 21:00.
Post by yunan 4 U
in tutte le parrocchie c'è una messa "più importante" per chi si deve
preparare ai sacramenti, nel 90% dei casi la messa delle 10.
Ottimo. Puo anche capitare che qualcuno non ci possa andare, in
particolare se non è alle 10:00, ma alle 11:30.
Post by yunan 4 U
Non essendo
l'accesso all'iniziazione cristiana una prescrizione medica, o si fa la
cosa seriamente o giustamente fuori dai coglioni.
Infatti se ne stanno andando tutti fuori dai coglioni. L'invito a
vedere è sempre valido. Se vieni in inverno ti offro la polenta con la
fontina.

M.
io speriamo me la cavo
2011-12-30 18:18:59 UTC
Permalink
...... Non essendo
l'accesso all'iniziazione cristiana una prescrizione medica, o si fa la
cosa seriamente o giustamente fuori dai coglioni.
y
fuori dai coglioni!?

Frase ambigua, non si sa se i coglioni sono quelli che stanno fuori,
o quelli che stanno dentro.

;-)
Marco O. dal quark bunga bunga
2011-12-30 19:14:44 UTC
Permalink
Post by io speriamo me la cavo
Frase ambigua, non si sa se i coglioni sono quelli che stanno fuori,
o quelli che stanno dentro.
Quelle sono le ovaie. :-)

M.
io speriamo me la cavo
2011-12-30 22:50:49 UTC
Permalink
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by io speriamo me la cavo
Frase ambigua, non si sa se i coglioni sono quelli che stanno fuori,
o quelli che stanno dentro.
Quelle sono le ovaie. :-)
M.
Ti sei dimenticato, che da bambino, i testicoli li tiravi fuori o
ritiravi dentro a comando. ;-)

ismlc
Continua a leggere su narkive:
Risultati di ricerca per 'Non sono solo io che mi lamento' (newsgroup and mailinglist)
5
risposte
splatter
iniziato 2003-09-22 16:00:54 UTC
it.hobby.radioamatori
11
risposte
per quelli che mi hanno scritto e per gli altri
iniziato 2005-11-10 19:13:28 UTC
free.it.sesso.incontri
131
risposte
i miei scudetti sono 29
iniziato 2006-07-25 19:12:03 UTC
it.sport.calcio.estero
34
risposte
C.I.S.: l'ho difeso, mo' mi lamento anch'io!
iniziato 2003-10-17 18:04:59 UTC
it.hobby.scacchi
38
risposte
Sono solo io?
iniziato 2008-12-07 14:05:03 UTC
it-alt.comp.software.mozilla
Risultati di ricerca per 'Non sono solo io che mi lamento' (Domande e Risposte)
8
risposte
Il lavoro non è esattamente quello che mi aspettavo, sono annoiato
iniziato 2019-09-30 12:33:50 UTC
lavoro
5
risposte
La mia vecchia squadra non è contenta del nuovo capo che mi fa rapporto
iniziato 2015-04-21 14:14:03 UTC
lavoro
7
risposte
Visitare un ufficio che ha poster che mi mettono a disagio, ma ai clienti abituali dell'ufficio non sembra importare
iniziato 2014-01-17 10:05:13 UTC
lavoro
5
risposte
Perché un reclutatore che mi ha rifiutato ora dovrebbe essere interessato a me?
iniziato 2018-08-04 17:55:10 UTC
lavoro
4
risposte
Esistono minerali che non sono stati trovati sulla terra ma che sono ancora possibili?
iniziato 2016-10-01 01:40:50 UTC
scienze della terra
Discussioni interessanti ma non correlate
5
risposte
Cosa intendi per Wattaggio di una lampadina a incandescenza?
iniziato 2013-04-19 08:40:16 UTC
5
risposte
Minuscola eeprom parallela
iniziato 2018-02-01 19:17:08 UTC
6
risposte
Guadagnarsi da vivere nella progettazione di circuiti integrati analogici senza una laurea in EE
iniziato 2011-02-15 22:15:56 UTC
5
risposte
In che modo disegnare il diodo in uno schema elettrico
iniziato 2012-05-13 16:30:47 UTC
5
risposte
Aiuto nella chiusura di un circuito logico
iniziato 2018-07-18 05:42:05 UTC
Loading...