Discussione:
La festa liturgica dell'Arcangelo San Michele
(troppo vecchio per rispondere)
Rafminimi
2015-09-29 11:05:23 UTC
Permalink
Raw Message
La festa liturgica dell'Arcangelo San Michele ricorre il 29 settembre, data
indicata nel Sacramentario Leoniano e nel Martirologio Geronimiano. .
Il suo nome, Mi-ka-El, "chi è come Dio?", è citato cinque volte nella Sacra
Scrittura; tre volte nel libro di Daniele, una volta nel libro di Giuda e
nell'Apocalisse di s. Giovanni Evangelista ed è considerato "capo supremo
dell'esercito celeste", cioè degli angeli in guerra contro il male, che
nell'Apocalisse
è rappresentato da un dragone con i suoi angeli e che, sconfitto nella
lotta, fu scacciato dai cieli e precipitato sulla terra.
In Oriente San Michele è venerato con il titolo di "archistratega", che
corrisponde al titolo latino di princeps militiae caelestis (principe delle
milizie celesti) che compare nella preghiera composta da Leone XIII recitata
alla fine di ogni Messa usus Antiquior, riportata di seguito.
Invochiamo il suo potente aiuto per noi, per la Chiesa tutta e per il mondo
intero. San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia contro le
malvagità e le insidie del diavolo, sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici:
che il Signore lo comandi ! E Tu, Principe della milizia celeste con la
potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell'inferno satana e gli altri
spiriti maligni, che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime.
Amen Sancte Michaël Archangele, defende nos in proelio; contra nequitiam et
insidias diaboli esto praesidium. Imperet illi Deus, supplices deprecamur:
tuque, Princeps militiae caelestis, Satanam aliosque spiritus malignos, qui
ad perditionem animarum pervagantur in mundo, divina virtute in infernum
detrude.
Amen. Il 13 ottobre 1884, dopo aver terminato di celebrare la Santa Messa
nella cappella vaticana, Leone XIII restò immobile una decina di minuti e si
precipitò nel suo studio senza dare spiegazioni a chi lo aveva visto
profondamente turbato. Compose immediatamente una preghiera a San Michele
Arcangelo, dando istruzioni perché fosse recitata ovunque al termine di ogni
Messa bassa. Successivamente il Papa darà la sua testimonianza raccontando
(sinteticamente) di aver udito satana e Gesù e di aver avuto una
terrificante visione dell'inferno : « ho visto la terra avvolta dalle
tenebre e da un abisso, ho visto uscire legioni di demoni che si spargevano
per il mondo per distruggere le opere della Chiesa ed attaccare la stessa
Chiesa che ho visto ridotta allo stremo. Allora apparve S. Michele e
ricacciò gli spiriti malvagi nell'abisso. Poi ho visto S. Michele Arcangelo
intervenire non in quel momento, ma molto più tardi, quando le persone
avessero moltiplicato le loro ferventi preghiere verso l'Arcangelo ».
Nel 1994, Giovanni Paolo II ha chiesto che questa preghiera torni
attuale : « che la preghiera ci fortifichi per la battaglia spirituale...
Papa Leone XIII ha ha certamente avuto un vivo richiamo di questa scena
quando ha introdotto in tutta la Chiesa una speciale preghiera a S. Michele
Arcangelo... Chiedo a tutti di non dimenticarla e di recitarla per ottenere
aiuto nella battaglia contro le forze delle tenebre e contro lo spirito di
questo mondo ».
Subito dopo quel discorso del 1994, UNA RIVISTA di ambiente carismatico
lanciò l'iniziativa di una petizione al pontefice, affinché la recita di
tali preci tornasse ad essere presente nei riti liturgici. Comunque anche
prima del Vat.II era obbligatoria solo nelle Messe private ed in quelle
senza omelia. Alcune persone si diedero al riguardo ad un impegno militante,
fotocopiando il testo della petizione e diffondendolo. Furono mandate anche
a me.
Io lo rispedii alla rivista, con un mio breve commento del tipo:
1) al Sacro Tavolo di Sua Santità, ne giungeranno pochissimi, perché la
media dei Cattolici, specie italiani "è troppo povera" per permettersi la
spesa del francobollo e/o è troppo "occupata" per trovare il tempo di
riempire un foglio;
2) Quand'anche ne giungessero tonnellate, al pontefice non le mostreranno;
3) Quand'anche le vedesse, non se ne farà nulla, infatti se vuole, non ha
certo bisogno di tali orpelli pseudo-democratici per agire (a meno che non
sia un alibi per dire "Non lo volevo fare, ho solo assecondato la massa");
4) Quand'anche lo facesse, i preti che ne terrebbero conto, si conterebbero
sulle dita delle mani di un monco;
5) INFINE, QUAND'ANCHE fosse obbedito da tutti i preti. IL rimedio sarebbe
peggiore del male. Mettere le preci leoniane alla fine della sinassi
bugnian-montinana è come mettere la cravatta al collo del MAIALE.
DIO ci benedica
vostro
UomochenonfuMAI






--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
pgm
2015-09-30 18:23:40 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Rafminimi
La festa liturgica dell'Arcangelo San Michele
A radio Maria hanno fatto una catechesi su
genesi, angeli e prove dell'esistenza di Dio

il vecchio e abile predicatore ha spiegato,
come 50 anni fa , et magna cum eloquentia,
cosa si deve credere.
Per le prove dell'esistenza di Dio ha portato
quelle di san Tommaso, superate ed anacronistiche

Per gi angeli... bisognava sentire che organizzazione
Tra l'altro disse che ciascuno ne abbiamo uno
il quale ci impedisce (quasi) di fare le cose errate.

Allora ho chiamato al telefono dicebdo che io,
di entrambi i genitori orfano fin da piccolo e
senza nessuno che mi aiutasse, feci sempre le
scelte errate, dopo invocato ripetutamente tale
angelo custode personale.
- Come la mettiamo ?- ho chiesto
- non è questo l'argomento! - mi rispose
Rafminimi
2015-09-30 18:55:41 UTC
Permalink
Raw Message
Circa le prove di San Tommaso, non sono superate. Sono solo le manie da
semidèi degli uomini di questi ultimi secoli, che spingono a ripetere tale
cantilena: " Sono superate, sono superate". Lo sai che, una menzogna,
ripetuta molte volte, finisce per
essere creduta persino da chi sapeva che era menzogna.
Post by pgm
- Come la mettiamo ?- ho chiesto
Il fatto stesso che sei ancora qua, è la dimostrazione che è stato "Ridotto
il danno". Solo all'altro mondo saprai quante volte ti è stata salvata la
vita, quante volte da una situazione da cui sei uscito male, in realtà
potevi uscire MOLTO PEGGIO. E QUANTE VOLTE il tuo orgoglio ha legato le mani
all'Angelo Custode, o, quanto meno, ne ha interferito con l'azione. E LUI,
il tuo Angelo, ha pianto di dolore proprio per il tuo cuore e la tua testa
dure. Ed ha pregato affinché giunga il giorno in cui si "ammorbidiscano" Io
lo
sento vicino a me. E se DIO lo consente, gli chiedo al mio Angelo una certa
cosa. Cosa di cui, SE DIO VUOLE, se è bene per te, te ne renderai conto da
solo.
lm






--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: ***@netfront.net ---
pgm
2015-10-01 02:30:11 UTC
Permalink
Raw Message
Circa le prove di San Tommaso, non sono superate. Sono slo le maie da
semidèi degli uomini di questi ultimi secoli, che spingono a ripetere tale
cantilena. Lo sai che, una menzogna, ripetuta molte volte, finisce per
essere creduta persino da chi sapeva che era menzogna.
Post by pgm
- Come la mettiamo ?- ho chiesto
Il fatto stesso che sei ancora qua, è la dimostrazione che è stato "Ridotto
il danno". Solo all'altro mondo saprai quante volte ti è stata salvata la
vita, quante volte da una situazione da cui sei uscito male, in realtà
potevi uscire MOLTO PEGGIO. E QUANTE VOLTE il tuo orgoglio ha legato le mani
all'Angelo Custode, o, quanto meno, ne ha interferito con l'azione. Io lo
sento vicino a me. E se DIO lo consente, gli chiedo al mio Angelo una certa
cosa. Cosa di cui, SE DIO VUOLE, se è bene per te, te renderai conto da
solo.
Niente da fare
Ragionamenti *triti* e ritriti

Per quelle prove: mi convince di più il PI GRECO
che questa serie di prove, nemmeno da nominare
(chiedi anche a Invernizzi di Radio Maria).
Come voler dire che non esiste la psicologia
o il darwinismo, o simili...
Fenomeni di natura ignoti in passato e ora
fuori discussione, e che non sono nè a favore
e nè contro ....ma tu sei anche contro Ravasi...

Per gli angeli, di cui oggi ricorre la festa
dell'angelo custode, ti sbagli in pieno con me.
Non mi interessa la vita, lo stare qua, come
se vivere di più sia gran dono.
Conta *come* vivere.
Tanto è vero che la ho rischiata gravemente
almeno 5 volte, in 3 mi avevano dato per morto.
E sei fuori strada per l'orgoglio, che sempre
si tira in campo a sproposito. Se mai sono ben
orgoglioso della mia memoria, abilità, esiti
sportivi, capacità,.... ma non per quello che
tu dici, che immagini, che credi di dimostrare,
o di convincere con le vecchie storie....
Marco O. dal quark bunga bunga
2015-10-01 08:00:32 UTC
Permalink
Raw Message
Post by pgm
Allora ho chiamato al telefono dicebdo che io,
di entrambi i genitori orfano fin da piccolo e
senza nessuno che mi aiutasse, feci sempre le
scelte errate, dopo invocato ripetutamente tale
angelo custode personale.
Un mio amico alle elementari era un po' sfigato. Gli dicevamo che il suo angelo custode era spastico. :-)

M.
Luca Logi
2015-10-01 14:57:38 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
Post by pgm
Allora ho chiamato al telefono dicebdo che io,
di entrambi i genitori orfano fin da piccolo e
senza nessuno che mi aiutasse, feci sempre le
scelte errate, dopo invocato ripetutamente tale
angelo custode personale.
Un mio amico alle elementari era un po' sfigato. Gli dicevamo che il
suo angelo custode era spastico. :-)
M.
Signori, cortesemente evitiamo le battute di cattivo gusto.

Potrei fare una battuta anche io, ma non tanto, e dare per provata
l'esistenza dell'angelo custode almeno di quel ciclista che la settimana
scorsa mi ha tagliato la strada passando con il rosso ed imboccando una
strada contromano. Penso che sia un angelo molto impegnato.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
http://archivarius2.blogspot.it/
http://archivarius2.wordpress.com
http://www.angelfire.com/ar/archivarius
pgm
2015-10-01 22:59:13 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Luca Logi
Post by Marco O. dal quark bunga bunga
suo angelo custode era spastico. :-)
Signori, cortesemente evitiamo le battute di cattivo gusto.
scorsa mi ha tagliato la strada passando con il rosso ed imboccando una
strada contromano. Penso che sia un angelo molto impegnato.
PENSO

Loading...